AkkundiéndƏtƏ d’u bbródƏ ka la kàrnƏ è kkèrƏ.

“Accontentati del brodo che la carne è cara” = Non sempre si può avere il meglio.

 

AllucƏsscénnƏ pruvvƏdénnƏ.

“Albeggiando provvedendo” = Ci penseremo domani, ora andiamo a riposare. E’ un canto alla vita che continua, luminosa, ed a lei si affida l’uomo, con tutti i suoi dubbi, con le sue incertezze e con le sue speranze.

 

AngórƏ a vƏde’ u sérpƏ a kkjèmƏ San PàulƏ.

“Non hai ancora visto il serpente e chiami San Paolo” = Rimprovero a chi si lamenta prima ancora di aver subito un danno.

 

ArrípƏ la zzambógnƏ kƏ kkuànnƏ abbƏsóggnƏ.

“Conserva la zampogna per quando occorre” = La vendetta è un piatto che va consumato freddo. “Me la sono legata al dito ed al momento opportuno faremo i conti”.

 

AttàkkƏ u ciúccƏ addo’ ddíscƏ (vvólƏ) u patrunƏ.

“Attacca l’asino dove dice (vuole) il padrone” = Obbedisci e disinteressati quando la responsabilità non è tua.

 

AvénnƏ, puténnƏ, pajànnƏ.

“Avendo, potendo, pagando” = Non lasciare mai conti in sospeso, compera solo quello che puoi e per contante.

 

M’a ssciukè e mm’a bballè, u tammurriéddƏ no’ ll’a tukkè.

“Dobbiamo giocare, dobbiamo ballare, il ‘tamburello, non lo devi toccare’ = Un pizzico di morigerata astinenza.

 

BellézzƏ no’ rréscia kèsƏ.

“Bellezza non regge casa” = Necessitano comportamenti responsabili e non vuote apparenze.

 

Cí aspéttƏ u piàttƏ da l’àldƏ rumènƏ dƏsciúnƏ.

“Chi aspetta il piatto dagli altri rimane digiuno” = E’ sempre meglio sapersela sbrigare da sé.

 

Cí bbévƏ e ccí sƏ (sté) mbrièkƏ.

“Chi beve e chi si ubriaca (è ubriaco)” = C’è qualcosa che non quadra, le parti si invertono.

 

Cí d’AprílƏ t’a spugghjètƏ rumènƏ akkustƏpètƏ.

“Se in Aprile ti sei svestito resti raffreddato” = Anche se cominciano i primi tepori il clima resta instabile.

 

Cí dƏ spƏrànzƏ kàmbƏ dƏspƏrètƏ (a llu spƏdèlƏ) mórƏ.

“Chi di speranza vive, disperato (all’ospedale) muore” = I sogni sono un conto e la realtà della vita è altra cosa.

 

Cí fílƏ no’ ttéssƏ.

“Chi fila non tesse” = Non si possono fare due cose nello stesso tempo.

 

Cí jèlƏ píkkƏ vèlƏ.

“Chi sbadiglia vale poco” = Quando si lavora è bene essere accorti e svegli.

 

Cí kamínƏ addríttƏ kàmbƏ afflíttƏ.

“Chi cammina dritto vive infelice” = Amara riflessione da parte delle persone oneste.

 

Cí la ténƏ e ccí la mbrénƏ.

“Chi la mantiene (ferma) e chi la mette incinta” = Il lavoro da fare è di tale semplicità che è sufficiente la presenza di una sola persona.

 

Ci mbàccƏ vuo’ purtè u kƏlórƏ màngƏ prímƏ kƏ jjéssƏ u sólƏ.

“Se in faccia vuoi portare il colore mangia prima che esca il sole” = Era buona abitudine per il contadino fare una ricca colazione all’alba, prima di recarsi al lavoro.

 

Ci na bbona famíggljƏ vuo’ fè da li màskƏlƏ akkumƏnzè.

“Se una buona famiglia vuoi fare dai maschi devi cominciare” = Perché siano di aiuto nei lavori dei campi essendo la nostra una società contadina.

 

Cí na lírƏ no’ kkúrƏ nu sòldƏ no’ vvèlƏ.

“Chi non cura una lira non vale un soldo” = Invito a dare il giusto valore al denaro.

 

Cí nghètƏ sèpƏ léscƏ, léscƏ a kkèpƏ súsƏ e a kkèpƏ sòttƏ.

“Chiunque sa leggere, legge al diritto ed al rovescio” = Così ebbe a dire RòkkƏ Tatè, in treno, al controllore che gli faceva notare che il giornale che stava facendo finta di leggere, lui che non aveva il biglietto, era al rovescio.

 

Ci no’ jjé mmàskƏlƏ è ffémmƏnƏ.

“Se non è maschio è donna” = Delle due l’una.

 

Ci no’ stàvƏnƏ i fiéssƏ no’ kkambàvƏnƏ i dríttƏ.

“Se non ci fossero i fessi non si avvantaggerebbero i dritti” = Il furbo approfitta sempre della ingenuità del credulone.

 

Ci òggnƏ piésckƏ ka jàkkjƏ mmiénzƏ la strèdƏ vuo’ mƏnè na stambètƏ, sénza skàrpƏ tƏ rƏtírƏ a kkàstƏ.

“Se ad ogni pietra che trovi per la strada vuoi tirare un calcio, senza scarpe ti ritiri a casa tua” = Limita i tuoi interessi alle sole cose essenziali.