Come è facile intuire, trascrivere quanto riportato in dialetto non è operazione agevole, per cui spero mi perdonerete se non tutti i testi li riporto anche nella forma dialettale. Per coloro che fossero interessati, si rimanda quindi al testo di Vittorio festa, “AllucƏsscénnƏ pruvvƏdénnƏ. Proverbi, Detti, Modi di dire ed altro nel dialetto di Palagiano”, Antonio Dellisanti editore.

A ccí dé e a ccí prumméttƏ.

“A chi dà e a chi promette” = minaccia sfaceli ma in concreto non fa danno; persona poco affidabile.

 

A ccí no’ vvólƏ l’uókkjƏ da fórƏ.

“A chi non vuole gli occhi da fuori” = Vengono cosí esorcizzati, in chiave ironica, i nemici latenti.

 

A ccí vólƏ kƏ nno’ llu sèpƏ.

“Chi vuole che non lo sappia” = Lo sanno anche le pietre.

 

A ddànnƏ ka no’ ss’appèrƏ.

“A danno che non si appari (appiani)” = Costi quel che costi.

 

A fàttƏ kèsƏ (stàddƏ) e pputè.

“Hai fatto casa (stalla) e bottega” = Stai sempre nello stesso posto da mattina a sera, ovvero “conduci una vita semplice limitandoti all’indispensabile”.

 

A fàttƏ la karrièrƏ dƏ san MartínƏ.

“Hai fatto la carriera di san Martino” = Detto a chi anziché avanzare, arretra in gerarchia.

 

A llu kènƏ vékkjƏ no’ ddí dcƏ “cciú cciú”.

“Al cane vecchio non dire “ciù ciù” = E’ del tutto inutile cercare di accattivarsi con moine la simpatia di chi ti conosce a fondo e dunque sa bene chi tu sei.

 

A kkjàngƏ stu muórtƏ so’ llàkrƏmƏ pƏrdútƏ.

“A piangere questo morto sono lacrime perdute” = Ormai è andata, pazienza, non vale la pena ed è del tutto inutile prendersela più di tanto dal momento che non potremmo comunque cambiare l’esito delle cose.

 

A lla nghjanètƏ ci no’ ttírƏnƏ i vƏlanzínƏ, u traínƏ no’ ngƏ kamínƏ.

“In salita se non tirano ‘i cavalli laterali’ il traino non cammina” = Nelle difficoltà, in una famiglia sana, tutti devono collaborare.

 

A llavè la kèpƏ a llu ciúccƏ pérdƏ jakkuƏ, tiémmbƏ e ssapónƏ.

“A lavar la testa all’asino si perde acqua, tempo e sapone” = Non sprechiamo energie inutilmente.

 

A mmèla ramàgghjƏ a fàttƏ u nídƏ.

“Su di un cattivo ramo hai fatto il nido” = Ti fidi di persone cattive, ovvero ‘se credi di averla vinta con me sbagli di grosso’.

 

A nn’àrdjƏ aggiustètƏ téssƏ púre nu cƏkètƏ.

“Ad un ordito già pronto tesse pure un cieco” = E’ come trovare “il piatto pronto a tavola”.

 

A nnàsscƏ cí a ssérve a Ddi’.

“Deve nascere chi deve servire Iddio” = Ogni uomo è diverso dagli altri e fa quello che il destino ha stabilito per lui.

 

A nnu pàlmƏ da u kúlƏ mi’ cí vólƏ kƏ ppísscƏ.

“Ad un palmo dal mio sedere chi vuole che orini” = Fate quel che volete purchè non mi diate fastidio.

 

A parlè kuànnƏ písscƏ la jaddínƏ.

“Devi parlare quando piscia la gallina” = Mai, quindi “taci”. Il detto deriva dalla errata convinzione che la gallina, avendo un solo orifizio terminale in cui confluiscono feci ed urina, non espleti tale funzione.

 

A ttre mmísƏ fóorƏ la kammísƏ.

“A tre mesi fuori la camicia” = La gravidanza si fa palese.

 

A ttúttƏ sínƏ e a Mmaría FrangéskƏ nónƏ!

“A tutti sí ed a Maria Francesca no!” = Ma perché mai solo a me non volete darne!?.

 

Addo’ a fàttƏ u stètƏ fè u viérnƏ.

“Dove hai fatto l’estate fa l’inverno” = Non voglio più avere a che fare con te, stammi bene.

 

Addo’ prumméttƏ la sérƏ sprumméttƏ la matínƏ.

“Dove promette la sera vien meno la mattina” = Siamo in piazza dove, a sera, si patteggia il lavoro bracciantile ed il nostro, che ritroviamo ancora lí al mattino seguente, non ha tenuto fede alla parola data, dunque è persona poco affidabile.

 

Addo’ arrívƏ kjàndƏ u zíppƏrƏ.

“Dove arrivi pianta un rametto” = Fa’ sin che puoi, quello che riesci a fare, il resto lo farai dopo.

 

Addo’ sté jústƏ no’ sté pƏrdénzƏ.

“Dove c’è gusto non c’è perdenza” = Quando si fa qualcosa che piace non si avverte la fatica.

 

Addo’ tténƏ l’uókkjƏ ténƏ i mènƏ.

“Dove ha gli occhi ha le mani” = Il ladruncolo non se ne lascia scappare una.

 

Addo’ ttƏ ggíra ggírƏ è ffuókƏ.

“Dove ti giri giri (ovunque ti giri) è fuoco” = Tutto costa tantissimo, non si può più comprar nulla.

 

Addo’ vvié (a sci’) sénza mbréllƏ!?.

“Dove vai (devi andare) senza ombrello!?” = Scherzoso monito teso a dissuadere chi sta per fare qualcosa.

 

AffƏdètƏ i pékƏrƏ a llu lúpƏ.

“Ha affidato le pecore al lupo” = Rimprovero rivolto a chi, agendo con molta leggerezza, non si accorge di fare il gioco del nemico.

 

AjjérƏ fó e nƏstérzƏ avénnƏ.

“Ieri fu ed avantieri accadde” = Mi spiace deluderti ma noi lo sapevamo già.

 

AjjérƏ s’asckuó MƏgghjuónƏkƏ e jjóscƏ stié ssiéndƏ u fiézzƏ.

“Ieri si incendiò Miglionico ed oggi stai sentendo la puzza” = Come al solito arrivi a capire sempre con ritardo.

 

“AkkómƏ scèmƏ?” “KómƏ u kumbèrƏ dƏ LatérzƏ!”.

“Come andiamo?” “Come il compare di Laterza!” = Il quale era a letto, malato e, all’amico che gli chiedeva come stesse, rispose: “K’i kàzzƏ”, girò il capo dall’altra parte e morí .

 

Akkóme (KómƏ) u vídƏ u skrívƏ.

“Come lo vedi lo scrivi” = E’ persona schietta e sincera.