Lunedì 27 gennaio in occasione della Giornata della memoria una delegazione di alunni della Scuola secondaria di primo grado “Gianni Rodari” plesso “Nicola Ruffo” di Palagiano riceverà direttamente dal Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, presso il Quirinale il premio “I giovani ricordano la Shoah”.

Con il loro lavoro dal titolo “Vite in gioco” i nostri ragazzi hanno indagato il valore dello sport e il disvalore del razzismo e dell’antisemitismo. “Negli anni trenta e quaranta del secolo scorso in Germania, in Italia e in altri paesi, anche il mondo dello sport fu coinvolto e sconvolto dal razzismo e dall’antisemitismo.
Ancora oggi assistiamo a manifestazioni sportive profanate da atteggiamenti razzisti e antisemiti. Lo studio e la consapevolezza di quanto avvenuto nel passato ci inducono a riflettere sulla pericolosità di tali atteggiamenti”.

I docenti della Scuola secondaria di primo grado “Gianni Rodari”, coordinati dalla referente del progetto, prof.ssa Vincenza Favale, hanno proposto ai ragazzi di 2^D e 3^D attività alternative rispetto alla lezione frontale, partendo dall’etimologia di parole quali “ricordare”, “razzismo” e “antisemitismo” hanno indagato la storia della Shoah anche grazie alla lettura di alcuni brani tratti da “Dallo scudetto ad Auschwitz. Vita e morte di Arpad Weisz, allenatore ebreo” e da “La bicicletta di Bartali”. Gli studenti hanno approfondito le informazioni e migliorato le conoscenze sulla biografia dei campioni della memoria.

Ne è disceso un dibattito sul grande valore educativo dello sport nato per avvicinare i popoli e utile per promuovere e rafforzare il rispetto universale dei diritti umani. E dunque hanno realizzato un padlet con gli articoli relativi a manifestazioni sportive dei nostri giorni profanate da atteggiamenti razzisti e antisemiti e hanno riflettuto, mediante produzione scritta, sulla pericolosità di tali comportamenti.

Con esercizi di scrittura creativa, hanno realizzato un testo, che hanno adattato ad una base musicale, realizzando la canzone rap dal titolo “Vite in gioco” che hanno tradotto in lingua inglese e francese. Hanno registrato e prodotto la canzone con l’aiuto di un esperto mixer-maker-audio e dell’insegnante di musica prof.ssa Isabella Addabbo.

Infine, con l’ausilio dei docenti di arte, Monica di Tinco e Paolo Fumarulo, hanno preparato i lavori per la mostra sui “Campioni nella memoria” che allestiranno in occasione della Giornata della Memoria. Lunedì 27 gennaio 2020 dalle 10:55 alle 12:20 saranno in diretta RAI 1 Quirinale celebrazione della Giornata della Memoria alla presenza del Presidente della Repubblica

Un grazie agli studenti, agli insegnato e al dirigente Prof. Vito Cuscito per l’impegno e per gli straordinari risultati.