>>Diventa ogni giorno sempre più stringente la rilevanza sociale degli incidenti stradali, in termini di costi a carico della collettività. Non solo. In questo triste e per nulla invidiabile primato, in continua crescita, è soprattutto la sfera affettiva della società a risentirne.

>>Consci di questo inarrestabile gap, il GSC (Gruppo Sportivo Ciclistico), presieduto da Gaetano Caffè, ha inteso dare il proprio contributo al fine di arginare o quanto meno limitare, per quanto possibile, questo triste ed increscioso fenomeno.

>>Proprio sulla base di queste finalità, la piazza centrale del paese, Vittorio Veneto, si è trasformata in teatro adibito ad incontri sia per la diffusione teorica, delle buone pratiche di comportamento stradale e sia pratica, mediante la corretta esibizione di ciclisti in erba, su un percorso disegnato per i futuri fruitori della viabilità stradale, dal GSC.

>>Inutile sottolineare la bontà dell’iniziativa sotto qualsiasi punto di vista si vuol osservare: culturale, sociale, della prevenzione; tutto finalizzato al corretto e responsabile comportamento stradale di ognuno da cui, in estrema sintesi, scaturisce la differenza in termini di sicurezza in ambito stradale.

>>All’incontro era presente personale della Polizia di Stato che, nel corso della serata, ha illustrato alla platea, piuttosto numerosa di ragazzi/e, materiale video su funzione e  compiti che la Polizia Stradale svolge sulle strade della penisola per la sicurezza dei cittadini. I ragazzi a loro volta si sono dimostrati abbastanza interessati agli argomenti trattati interagendo con i rappresentanti delle forze dell’Ordine.

>>Molto interessante e soprattutto esplicativo per i più piccoli e anche per i grandi in verità, un secondo video proiettato a schermo sul corretto uso in città della bici, del monopattino, della bicicletta e di scooter elettrici.

>>A tal proposito sarebbe opportuno che filmati del genere che spiegano molto bene il corretto uso dei mezzi a due ruote, sempre più presenti anche qui da noi soprattutto dopo l’incentivo all’acquisto voluto dalla Comunità Europea, diventasse a ragion veduta quasi materia scolastica, visto che in gioco vi è la sicurezza di tutti.

>>A conclusione della serata a tutti i piccoli partecipanti è stato rilasciato attestato di partecipazione all’edizione estiva 2020 “Io non ci casco” unitamente ai ringraziamenti del presidente del GSC Gaetano Caffè.

>>Nonostante la serata abbastanza calda il pubblico presente era molto numeroso, lo stesso si è svolto tenendo conto del rispetto anti assembramento dettato dalle norme AntiCovid-19. 

Antonio Notarnicola