Un angelo, nel pomeriggio di ferragosto, intorno alle 17, di nome Michele Maraglino, di appena 2 anni, 20 mesi per l’esattezza, originario di Massafra, è deceduto per annegamento mentre  si  trovava con i genitori, Domenico e Anna, ospiti di amici a Palagiano. Entrambi i genitori sono professionisti abbastanza noti a Massafra, lui affermato agronomo lei esperta commercialista. 

Il Fatto

Il bimbo sfuggito per alcuni minuti al controllo dei genitori pare sia salito sulla scaletta della piscina per poi finire in acqua. La caduta in acqua è stata fatale perché sono bastati pochi minuti di mancata respirazione, nonostante la prontezza dei soccorsi, e per lo sfortunato piccino non c’è stato più nulla da fare.

Sul posto sono prontamente intervenuti gli addetti del soccorso con ambulanza attrezzata e medico a bordo, ma nonostante i tentativi effettuati il bimbo non dava più segni di vita. I Carabinieri del nucleo di Palagiano e Massafra hanno sostenuto le necessarie indagini investigative e una volta accertata la dinamica dell’incidente il corpicino è stato rilasciato alla famiglia senza la solita procedura autoptica. I funerali si sono svolti nel pomeriggio di giorno 16, a Massafra nella chiesa dedicata a San Lorenzo Mandich, dove è stata accolta la salma del piccolo Michele, prematuramente volato in Paradiso.

Antonio Notarnicola