Nel Dna del palagianese Ivan Pagliara c’è sicuramente l’azzurro del mare, o qualcosa di simile che porta a navigare l’infinito.  Lo racconta molto bene la sua storia di vita militare fin qui espressa al servizio delle Forze Armate e nello specifico navale della Marina Militare Italiana.  Conosciamolo meglio.

La scheda

Dopo aver frequentato l’Accademia Navale di Livorno dal 1995 al 1999, è inviato alle Scuole di Volo statunitensi, dalle quali è rientrato nel 2003, dopo aver ottenuto le “Wings of Gold” (il brevetto di Aviatore Navale -Top Gun, tra l’altro lo stesso logo visibile sul petto di Tom Cruise nel famoso film di qualche anno fa) ed essendosi conquistato l’iscrizione nella “Commodore’s List” (titolo assegnato ai migliori piloti brevettati nell’anno accademico).

Ha poi prestato servizio a Catania, dove ha svolto molti incarichi operativi, ha frequentato altri corsi di specializzazione (tra i quali uno di investigazione sugli incidenti di volo, sempre con la Marina degli Stati Uniti) e ha partecipato anche a numerose missioni nazionali e internazionali, tra le quali Active Endeavour, nel Mediterraneo orientale, ed Enduring Freedom, nel Mar Arabico e Golfo Persico.

Dal 2008 al 2009 ha completato il suo primo incarico di comando sul Cacciamine Termoli, col quale, tra le tante attività svolte, ha condotto  una campagna di bonifica di ordigni bellici,  con ritrovamento e  brillamento di tre mine risalenti alla 2^ Guerra Mondiale. Contribuendo così a rendere più sicure la navigazione nelle acque della località di Carloforte (Sardegna Occidentale) e acque limitrofe.

Nel 2012 è stato nuovamente inviato negli Stati Uniti, dove ha svolto l’incarico di Capo della Rappresentanza della Marina Militare presso le Scuole di Volo della US Navy e Comandante degli Allievi Ufficiali italiani in addestramento, oltre a volare, in qualità di istruttore di volo.

Rientrato in Italia nel 2016, l’attende un corso per Ufficiali Superiori svolto presso il Centro Alti Studi per la Difesa, ha svolto l’incarico di Capo Servizio Operazioni e Addestramento presso la Stazione Aeromobili di Grottaglie, che ha lasciato a ottobre 2018 per assolvere l’anno di comando della fregata Virginio Fasan. Da poco terminato l’anno d’incarico, quale comandante della fregata Fasan, il capitano Ivan Leonardo Pagliara, è stato assegnato allo Stato Maggiore della Marina Militare, dove si occupa della formazione e impiego del personale incaricato alle Forze Aeree della Marina Militare (piloti, operatori di sensore, ingegneri e tecnici manutentori).

 Il Comandante Pagliara è laureato in Ingegneria Elettronica e Scienze Navali e Marittime e ha al suo attivo oltre 2000 ore di volo su aerei turboelica, jet monomotore e bimotore, elicotteri monomotore e bimotore.  Al nostro concittadino i migliori auguri di una fulgida carriera militare al servizio della Patria. 

Antonio Notarnicola