Laterza è un comune di 15.500 abitanti della provincia di Taranto. Il nome degli abitanti di Laterza é laertini.

 

Situata in un punto strategico, sul ciglio della Gravina omonima, Laterza è situata a Nord-Ovest della provincia di Taranto con un territorio che si insinua tra le provincie di Bari e Matera. Il territorio laertino fa parte della diramazione appenninica della murgia barese. Inoltre il territorio si presenta roccioso a Nord e tufaceo-calcareo a Sud.

Laterza ha origini storiche antichissime: lo dimostrano i ritrovamenti emersi dai lavori di scavo del 1965 in una necropoli risalente al 2000 a.C. in località Candile.La tipologia degli ipogei funerari, suppelletili e strumenti in selce ed osso, testimoniano la presenza di una popolazione vissuta nel territorio nell'era eneolitica. Non è esagerato dire che a Laterza ci sono le tracce di una stratificazione millenaria di civiltà. I primi segni di cultura sono attribuiti ai Peuceti, popolo dedito alla produzione di ceramica a decorazione geometrica che continuò fino al periodo Apulo. Molti sono anche i reperti dell'epoca della Magna Grecia e dell'età Romana oggi custoditi nei Musei Archeologici di Taranto e Matera.Dibattuta la questione dell' origine del nome di Laterza, alcuni scrittori pensano che derivi da "Latentia", luogo di caverne e di nascondigli; per altri deriverebbe dal latino "Tertiam" con riferimento ai militi della terza legione romana che fissarono in loco il loro accampamento. Tale ipotesi è avvalorata dal fatto che Laterza è situata lungo la via Appia nuova che unisce Taranto a Roma ricalcando il tracciato dell' Appia antica visibile ancora in alcuni punti. Altra suggestiva ipotesi fa risalire il nome Laterza ai Cretesi che fuggiti dopo la guerra con i Micenei fondarono qui una colonia in onore di Laerte, padre di Ulisse.L' abitato sorse con tutta probalità intorno all' anno 1000. Inizialmente fu parte integrante del territorio di Matera e solo verso il 1200 il feudo laertino venne connesso definitivamente da Federico II ai prelati baresi. Successivamente divenne parte integrante del Principato di Taranto e venne governato da vari feudatari.Nel 1280 circa Laterza ed altri feudi limitrofi furono donati da Carlo D'Angiò a Narjot de Taucy. La famiglia dei Taucy governerà Laterza, nonostante le contese con l'arcivescovo di Bari, sino al 1294 anno in cui il casale sarà infeudato a Filippo D'Angiò, principe di Taranto. E' da far risalire probabilmente a questo periodo la costruzione del Castello (Palazzo Marchesale) con portale datato 1393, che subirà rimaneggiamenti sino ad assumere l' attuale aspetto in fase di restauro. Dal XVI al XIX secolo a Laterza venne praticata ininterrottamente l'arte della famosa e pregiata maiolica. Nel '700, il periodo di massimo splendore, questa costituisce la principale attività del luogo, fino a quando, venute meno le commesse borboniche e vaticane che costituivano la quasi totalità dei clienti che avevano la possibilità di acquistare la pregiata e costosa maiolica di Laterza, le botteghe pian piano furono chiuse fino alla recente ripresa produttiva. Nel 1806 vengono aboliti i diritti feudali e la cittadina passa al regno borbonico; successivamente entrerà a far parte del Regno d'Italia.

 

Questo articolo è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto dalla voce di Wikipedia: "Laterza".