Nel giugno del 1960 fu istituito un pubblico oratorio nel rione Misciagna, in un garage di proprietà della Sig.ra Ninetta Misciagna, dato in uso gratuito, dove si iniziò a celebrare la S. Messa. L’oratorio fu retto provvisoriamente da Don Vincenzo De Florio. Quel primo locale fu il primo nucleo della parrocchia che andava costituendosi. Il proprietario del Rione Misciagna (Nicola Misciagna da Massafra era proprietario di un vasto appezzamento di terreno che si estendeva per tutto il rione che porta il suo nome; si estendeva dall’attuale chiesa, fino alla via S. Domenico e al Campo Sportivo), il 14 novembre del 1960 donò alla “Mensa Vescovile di Castellaneta” 2.145 mq. di area fabbricabile, per la costruzione di una grande chiesa e dipendenze, nel suo rione. Il 1° dicembre 1961 avvenne la “Erezione canonica”  della parrocchia dedicata a San Nicola di Bari, ed ebbe il riconoscimento civile, con la registrazione alla Corte dei Conti, il 24 agosto 1962. In seguito a tale riconoscimento il Vescovo di Castellaneta, Mons. Nicola Riezzo, donò alla Parrocchia di San Nicola di Palagiano, il suolo ricevuto per la costruzione della Chiesa; parroco reggente della nuova Parrocchia fu nominato Don Vincenzo De Florio, che la resse fino al settembre del 1962. In seguito alla erezione canonica della Parrocchia, il Vescovo Mons. Riezzo diede l’incarico di prendere possesso della nuova parrocchia, con la nomina di parroco, a Don Giuseppe Maraglino da Massafra, il quale ne prendeva possesso canonico il 15 settembre del 1962. Il 2 febbraio 1964 si costituì un comitato parrocchiale per raccogliere i fondi necessari per erigere un “Salone” da adibire alle opere di culto, in attesa di tempi migliori, per costruire la vera chiesa. Facevano parte del comitato: Don Giuseppe Maraglino, l’insegnante Carmine Gravina, Carmine Baia, il professore Amedeo Orsini, Rocco Di Pierro, il prof. Carmine Tarasco. A questo primo nucleo si aggiunsero in seguito: i coniugi Michele e Giuseppina Orsini, le Signore Giovanna e Maria Agrusti, Scalina Caprioli, Elisa Fiume, Teresa Martella, i Signori Antonio Lomunno, Vincenzo Galluzzi, Antonio Gravina, Michele Scalzo, il maresciallo Pasquale Catucci, e altri volontari che setacciarono letteralmente il paese, per reperire fondi. Il salone parrocchiale fu progettato dall’ingegnere Angelo Saracco e l’esecuzione dell’opera fu affidata alla ditta Cetera Armando. I lavori ebbero inizio il 6 aprile 1964 e furono eseguiti, a tempo di record, in un anno, da esperti mastri muratori; l’intero costo dell’opera ammontò a L. 4.500.000. Finalmente, il 29 maggio 1965 veniva portata in processione solenne Gesù Sacramento, dal locale di via Chiatona al nuovo Salone parrocchiale da S. Ecc. Mons. Riezzo, accompagnato dal Parroco Don Giuseppe Maraglino. La nuova costruzione diventava così la nuova chiesa. Man mano che i rioni Masella, Misciagna, Parisi, Agip, L’Erede, si urbanizzavano, aumentava il numero dei bambini e il problema del catechismo risultava sempre irrisolto, come pure la frequenza della scuola materna per i bambini dai tre ai cinque anni. La Scuola materna fu costruita nel suolo attiguo  a quello donato precedentemente dal Sign. Nicola Misciagna per la costruzione della chiesa, su un’area di mq. 1450 su interessamento del dott. Cataldo Malagnino. Nel 1967 si iniziò la costruzione, e fu inaugurata nell’anno scolastico 1969/70. Con atto notarile dell’11.12.1964 fu stipulata una compravendita tra le parrocchie di S. Nicola e SS. Annunziata. I lavori furono iniziati dietro rilascio della regolare licenza edilizia, il 4.10.1967 dall’allora sindaco Amedeo Orsini. Finalmente, con l’aiuto di Dio, la Domenica delle Palme dell’anno 1971 il giorno 4 aprile, il nuovo Tempio accolse il SS. Sacramento che fu portato dal salone chiesa, in processione solenne. Quando la chiesa fu costruita, il campanile era privo di campane; un altoparlante provvedeva ad annunciare l’inizio delle SS. Messe. Solo nel 1982 il campanile fu dotato di tre campane.

Nel 1976 all’interno del Gruppo di Preghiera di Padre Pio, si costituì un comitato con l’intento di dedicare al Frate un monumento da erigersi sul piazzale antistante la chiesa di S. Nicola. La statua bronzea fu completata agli inizi del 1977 e inaugurata il 4.2.1977.

 

Testo e foto storiche, "La Parrocchia di San Nicola in Palagiano", di Michele Orsini.